DIDATTICA - Pareri

parere di civile 121/10/2017

Parere di civile del 21/10/2017
 
In data 23 luglio 2007, Tizio e Caio stipulavano un contratto preliminare di compravendita di un immobile, espressamente prevedendo che la vendita definitiva, a favore di Tizio, sarebbe avvenuta il 9 agosto 2007, dinanzi e presso lo studio del notaio Mevio.
Non essendosi presentato Caio all’incontro presso lo studio di Mevio, Tizio, il 30 agosto 2007,lo diffidava all’adempimento dell’adempimento dell’obbligazione assunta, specificando che, ove non si fosse pervenuti alla stipula del definitivo entro 15 giorni dalla ricezione della missiva, il contratto si sarebbe dovuto intendere senz’altro risolto.
Poiché tale nota era rimasta priva di riscontro, nel dicembre 2007, Tizio invitava  nuovamente Caio ad adempiere il contratto e a procedere alla stipula del definitivo.
Il promettente venditore, tuttavia, il 20 gennaio 2008 rispondeva che alla sottoscrizione del contratto definitivo non si sarebbe più potuto procedere, poiché il contratto preliminare si era irrimediabilmente risoltoa seguito dell’inutile decorso del termine fissato nella diffida ad adempiere del 30 agosto 2007.
Tizio, venuto a conoscenza della circostanza che Caio intende vendere l’immobile a Sempronio, si rivolge ad un legale al quale, esposti i fatti, chiede se possa ancora utilmente esperirsi l’azione di adempimento in forma specifica ex art. 2932 c.c. per conseguire la proprietà dell’immobile, nonché eventuale sequestro conservativo, oltre al risarcimento del danno .
Il candidato, assunte le vesti del legale di Tizio, rediga parere motivato.
iazione semplice ( in particolare Cass. Pen. 42043/2016).


CONTATTI

Sede:

Via Arangio Ruiz 83
80122 Napoli (Na)

Lun - gio (09:00 - 18-00)
sabato (09:00 - 13:00)

Tel e fax:
081 761 47 03

349 67 02 654
346 51 99 045

E mail:

corsi@mcmiliterni.it