DIDATTICA - Pareri

Atto di Diritto Civile e di Diritto Penale del 26 - 09- 2015

ATTO DI DIRITTO CIVILE DEL 26/09/2015
Tizio, maggiorenne, si rivolge al proprio legale affermando di essere figlio, nato fuori dal matrimonio, di Caio, che non lo ha mai riconosciuto, e di Domitilla, deceduta di recente.
Afferma altresì di essere da lungo tempo disoccupato, così da non poter provvedere al proprio mantenimento e da versare in uno stato di bisogno.
Il candidato, assunte le vesti del legale di Tizio, rediga l’atto introduttivo del giudizio volto alla tutela del suo assistito.
Atto di Diritto Penale
 
Il 4 aprile 2011, il ventiduenne Tizio, alla guida della propria autovettura BMW di grossa cilindrata acquistata una settimana prima e con a bordo tre amici coetanei, mentre percorre a forte velocità una strada del centro urbano in Roma da lui ben conosciuta, dopo aver perso il controllo del
mezzo, investe Caio che si trova sul marciapiede e finisce poi la sua corsa contro la vetrina di un negozio. Non vengono rinvenute tracce di frenata.
A seguito dell’incidente, Caio riporta lesioni personali che ne provocano la morte.
A Tizio, in stato di ebbrezza alcolica, essendogli stato riscontrato un tasso alcolemico di 1,05 g/l, viene ritirata la patente.
Avviate prontamente le indagini preliminari, si accerta che circa 50 m prima del luogo in cui era avvenuto l’impatto con il pedone, Tizio si era fermato e aveva avuto un alterco con due persone che si trovavano a bordo di un motorino e, dopo il litigio verbale, era ripartito a forte velocità facendo
sgommare le ruote e perdendo, così, il controllo dell’autoveicolo.
Il Giudice per le indagini preliminari, su richiesta del pubblico ministero, dispone in danno dell’indagato la misura coercitiva della custodia cautelare in carcere, ritenendo che sussiste il grave pericolo di reiterazione del reato, nonché gravi indizi di colpevolezza per il reato di omicidio volontario commesso con dolo eventuale.
Tizio, pertanto, si rivolge al proprio legale onde ottenere la revoca della misura cautelare.
Il candidato, assunte le vesti del legale di Tizio, rediga l’atto ritenuto più opportuno a tale scopo.
 


CONTATTI

Sede:

Via Arangio Ruiz 83
80122 Napoli (Na)

Lun - gio (09:00 - 18-00)
sabato (09:00 - 13:00)

Tel e fax:
081 761 47 03

349 67 02 654
346 51 99 045

E mail:

corsi@mcmiliterni.it