DIDATTICA - Pareri

Parere di penale del 21-03-2015

Tizio, alla guida di un furgone rubato e sprovvisto di patente, accortosi della Polizia di Stato, iniziava nervosamente ad accelerare la propria andatura di marcia.
Gli agenti, colpiti dal suo comportamento, decidevano di procedere ad un controllo, pertanto azionavano il lampeggiatore e la sirena e con la paletta segnalavano a Tizio di fermarsi.
Questi, per tutta risposta, non ottemperava all’ordine e si dava alla fuga a forte velocità oltrepassando senza decelerare una serie di semafori che segnavano luce rossa nella sua direzione di marcia.
Attese le condizioni di traffico ancora intese, la Polizia spegneva il lampeggiante e desisteva dall’inseguimento, limitandosi a non perdere di vista il fuggitivo la cui condotta veniva segnalata anche via radio alle altre pattuglie.
Tizio, raggiunto ad oltre cento chilometri orari un ulteriore incrocio regolato da semaforo, che in quel momento proiettava luce rossa, lo attraversava senza rallentare.
Nello stesso frangente l’incrocio  veniva impegnato da utilitaria, che aveva diritto di precedenza.
Il furgone condotto da Tizio, che non lasciava alcun segno di frenata, si scontrava con grande violenza contro detta vettura a bordo della quale si trovava Mevio.
In conseguenza del violento urto, Mevio riportava gravi lesioni e moriva durante il trasporto in ospedale.
Tizio, nonostante la gravità dell’incidente provocato, abbandonava il furgone e si dava alla fuga.
Tizio preoccupato degli eventuali risvolti penali della propria condotta, si reca da un legale.
Il candidato, assunte le vesti del difensore di fiducia di Tizio, rediga parere motivato.
   
 


CONTATTI

Sede:

Via Arangio Ruiz 83
80122 Napoli (Na)

Lun - gio (09:00 - 18-00)
sabato (09:00 - 13:00)

Tel e fax:
081 761 47 03

349 67 02 654
346 51 99 045

E mail:

corsi@mcmiliterni.it